Nel Labirinto dell’editore Franco Maria Ricci

  Assieme a soci ed amici della nostra associazione culturale: Respiro Mentale, siamo andati domenica a percorrere uno dei labirinti più grandi del mondo, voluto dal celeberrimo editore Franco Maria Ricci. Sette ettari di viali di bambù, che sembrano condurti all’uscita, solo per riportarti al punto di partenza, come succede nella vita. L’editore promise la realizzazione di questa opera faraonica (con tanto di piramide centrale) al suo amico Borges, che più volte si avvalse dell’allegoria del labirinto nei suoi racconti. Perdere ogni punto di riferimento, non poter vedere oltre i “muri” sempre identici di bambù, sprigiona emozioni altrettanto nascoste a noi stessi. Ci si rinfranca subito dopo visitando la vasta collezione FMR, colma di sogni per noi mortali, proprio come quelli che l’editore ci ha sempre regalato in cinquant’anni di attività. Statue, quadri, le più variegate opere d’arte e libri leggendari, come la prima edizione dell’Encyclopédie di Diderot e D’Alembert (1751 – 1780), primo compendio “pratico” del sapere universale. 

                              

  Oppure provare l’emozione di trovarsi di fronte a un Bodoni originale e alla grande joie de vivre di Ricci, fotografato da giovane, sulla sua splendida Jaguar nera in esposizione. Vedere tutte le sue pubblicazioni, così pregiate, e riscoprire con grande piacere la vastità della bellezza che ha voluto raccogliere e trasmettere. Caro Franco, hai una vita meravigliosa e grazie di aver voluto abbellire anche le nostre!… P.S.: Nel nostro studio bibliografico potrete trovare molte delle sue riviste pregiate. 

http://www.labirintodifrancomariaricci.it/it/labirinto/homepage-labirinto/

Maria

Salvatore Viscuso, bibliomane patologico da sempre. Libraio antiquario e Perito del Tribunale di La Spezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *